Responsabilità Sociale d'impresa: lavoro, carcere, imprese


Responsabilità Sociale d'impresa: lavoro, carcere, imprese

Il contesto territoriale lombardo considera il diritto al lavoro come elemento sostanziale ed essenziale per la progettualità di un cambiamento e come leva per la rinascita della dignità della persona e della sua volontà di riscatto. L'inserimento lavorativo delle persone in esecuzione penale diviene quindi uno degli strumenti più efficaci di collegamento tra "il dentro" e "il fuori"

Chiaro segnale della riconosciuta efficacia dell'inclusione sociale sono gli strumenti di collaborazione che la legislazione regionale negli ultimi anni ha sviluppato, non ultima la commissione Lavoro Penitenziaria presso il PRAP (Provveditorato Regionale dell'amministrazione penitenziaria per la Lombardia) che svolge un monitoraggio sistematico delle realtà e delle potenzialità delle lavorazioni penitenziarie con una presenza costante presso il mondo dell'imprenditoria coinvolto (sia esso profit e non profit).

Grazie a queste attività aumentano i casi di soggetti pubblici e privati, con una particolare rilevanza delle cooperative sociali, che attingono al capitale umano all'interno degli istituti penitenziari, talvolta anche con il posizionamento di impianti produttivi all'interno dell'istituto stesso.

Al fine di potenziare la presenza di imprese profit e non profit tra i soggetti che stipulano accordi con gli istituti penitenziari per l'attività lavorativa e di formazione, UnionCamere Lombardia, Regione Lombardia e il Provveditorato Regionale dell'amministrazione penitenziaria per la Lombardia promuovono un progetto di informazione, formazione e sperimentazione che mira a sensibilizzare il sistema produttivo lombardo per una maggiore interazione con le strutture penitenziarie esistenti, e di conseguenza stimolando l'attenzione verso i temi della responsabilità sociale d'impresa presso i medesimi soggetti.

ALTIS partecipa come partner scientifico al progetto, occupandosi della messa a punto di un modello di Bilancio Sociale e della successiva sperimentazione sulle imprese profit e non profit, al fine di valorizzare la positiva valenza sociale di azioni che agevolino l'inserimento dei detenuti nel mondo del lavoro e lo sviluppo delle attività lavorative all'interno degli istituti penitenziari. Per il raggiungimento dei suddetti obiettivi, ALTIS si occuperà in particolare di:

elaborare una bozza del modello di Bilancio sociale, con la definizione di un sistema di indicatori critici espressivi delle molteplici dimensioni del fenomeno dell'attività lavorativa realizzata dalle imprese con i detenuti;
testare e affinare labozza grazie al confronto proprio con le imprese che già fanno questo tipo di esperienza;
definire la versione ultima del modello, una volta terminata la fase di sperimentazione condotta presso le imprese.

 

 

 

Vuoi rimanere sempre aggiornato sui nostri corsi e le iniziative per te? Lasciaci i tuoi contatti